Sconto del 10% sul primo ordine! Spedizione GRATUITA per acquisti superiori a 35€!



Buddha come viene rappresentato e perché

Pubblicato da Beatrice Elerdini il

Siddhārtha Gautama, meglio conosciuto come Gautama Buddha, il Buddha storico, Buddha Śākyamuni o semplicemente Buddha, conosciuto in italiano arcaico come Gotamo Buddho (in sanscrito 'l'illuminato'), è stato un monaco buddhista, filosofo, mistico e asceta indiano, fondatore del Buddhismo. Rimane tuttora una delle figure spirituali e religiose più importanti di tutta l'Asia.

Buddha visse tra il 566 a.C. e il 486 a.C.. Era di nobili origini, la sua famiglia apparteneva al clan degli Śākya, da cui anche l'appellativo Śākyamuni (l'asceta o il saggio della famiglia Śākya).

Le statue raffiguranti il Buddha sono molto diverse tra loro: alcune lo ritraggono sorridente, altre grasso, altre ancora sdraiato. Le varie rappresentazioni sono il frutto degli adattamenti effettuati dai vari Paesi Orientali e dalle relative culture nel corso dei secoli.

Addentriamoci dunque nell'iconografia del Buddha e scopriamone i significati.

Buddha posizioniBuddha posizioniBuddha posizioniBuddha posizioniBuddha posizioniBuddha posizioni

L'iconografia del Buddha

La statua del Buddha racchiude in sé la perfezione spirituale. Secondo la tradizione vanta 32 dettagli fisici, detti laksana, principali e 80 secondari. Attraverso questa simbologia il fedele viene guidato lungo un cammino che conduce a una conoscenza superiore slegata dalle sole forme esteriori.

L'usnisa e l'urna, ovvero le due protuberanze collocate rispettivamente sulla testa e tra le sopracciglia, in corrispondenza dei due centri energetici superiori, sono i laksana più importanti del Buddha.

I Chakra in forma di fiori o vortici si trovano solitamente raffigurati sulle mani e sulla base dei piedi della statua del Buddha.

La Prabhamandala è un'aureola o cerchio di luce che spesso viene rappresentata alle spalle del Buddha. Simboleggia la trascendenza.

I lobi delle orecchie grandi e allungati, gli occhi semichiusi sono altri elementi caratterizzanti il Buddha.

posizioni del buddha

Le posizioni e le espressioni del Buddha

Anche le posture che assume il corpo del Buddha e le espressioni offrono un significato simbolico.

Il Buddha che ride è senz'altro la raffigurazione più popolare. Ha origini cinesi. E' rappresentato come un monaco con una grossa pancia e un grande sorriso. Indossa un mala e sovente è circondato di bambini. Secondo la tradizione, sfregare il ventre del Buddha porta prosperità e fortuna. Si trova non soltanto all'interno dei luoghi sacri, ma anche nelle abitazioni, nei giardini e anche nei ristoranti.

Il Buddha in piedi con la mano destra alzata all'altezza delle spalle con il palmo della mano verso l'esterno e le dita rivolte verso il cielo, posizione Abhayamudra, simboleggia la protezione e la rassicurazione dei suoi seguaci, nonché la liberazione dalle loro paure.

Il Buddha seduto con la mano sinistra appoggiata sulla gamba ed ha il palmo rivolto verso l'alto con le dita che puntano verso il basso (posizione Varadamudra), e l'altra mano in posizione Abhayamudra, simboleggia il gesto del dono: offerta, benvenuto, carità, compassione.

Il Buddha seduto con la mano destra appoggiata sulle gambe con le dita allungate verso la terra ed il palmo rivolto verso l'interno; la mano sinistra appoggiata in grembo e aperta e con il palmo rivolto verso l'alto (posizione Bhumisparshamudra) rappresenta la volontà di raggiungere l'illuminazione attraverso la meditazione.

Il Buddha con le gambe incrociate e i piedi appoggiati alle gambe verso il grembo, con le piante di entrambi i piedi rivolte verso l'alto, simboleggia la serenità.

Il Buddha che cammina rappresenta il momento in cui è tornato sulla terra dopo la consegna del Dharma in cielo, accompagnato da Indra (Signore dei Deva) e Brahma (creatore di Dio nell'Induismo).

Il Buddha semi-sdraiato con una gamba piegata, chiamato lalitasana, maharajalilasana, rappresenta simbolicamente l'equilibrio e la compostezza.

Il Buddha sdraiato sul fianco destro: è solitamente rivolto a Ovest e appoggia la testa alla mano festa. Simboleggia il momento in cui il Buddha si abbandona nel Nirvana finale.

Il Buddha coronato dai Naga: in questa particolare raffigurazione il Buddha è coronato dai Naga, divinità sotto forma di serpenti (7) che lo proteggono come un ombrello. Secondo la leggenda il Buddha Sakyamuni, meditò per 4 settimane sotto l'albero della Bodhi, improvvisamente il cielo venne ricoperto di nubi e iniziò a piovere. A quel punto il re dei Naga,  Mucalinda, emerse dalle viscere della terra e coprì il capo al Buddha trasformandosi in cappello. Quando la tempesta terminò Mucalinda riprese le sue sembianze umane e tornò nell'oscurità.

 

0 commenti

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati