Sconto del 10% sul primo ordine! Spedizione GRATUITA per acquisti superiori a 35€!



Cromoterapia: i colori che fanno bene alla salute

Pubblicato da Beatrice Elerdini il

Dopo avervi parlato di cristalloterapia ora vogliamo portarvi con noi nel magico mondo della cromoterapia: si tratta di una forma di medicina alternativa non riconosciuta dalla comunità scientifica, che pare abbia la capacità di curare i sintomi di diverse malattie attraverso l'impiego dei colori.  Secondo i sostenitori di questa materia, le cromie sarebbero in grado di restituire al corpo e alla mente il loro naturale equilibrio, riducendo l'intensità di alcune sintomatologie in particolare del sistema nervoso e immunitario. Abbiamo scelto di parlarvi della cromoterapia, nonostante nulla in campo scientifico ne abbia mai dimostrato l'efficacia, perché è comunque uno dei metodi di medicina alternativa e olistica che viene utilizzato più di frequente in vari campi, come la psicologia, la traumatologia, la reumatologia e la dermatologia.

Uno dei principi base della terapia del colore è che ogni cromia è sostanzialmente fonte luminosa e in quanto tale dotata di energia. Vediamo quindi come funziona la cromoterapia e le proprietà dei colori principali.

Cromoterapia: le origini

La cromoterapia era già nota in tempi molto remoti: gli Egizi erano soliti aggiungere pigmenti colorati a sostanze medicamentose per esaltarne le proprietà curative. Erano convinti che le differenti cromie fossero in grado di influire positivamente sulla psiche e di conseguenza anche sul corpo. E' noto che l'accumulo eccessivo e costante di ansia, stress e tensioni provochi stati di malessere che colpiscono anche alcune specifiche aree dell'organismo, allo stesso tempo riequilibrando la mente, il fisico ne trae beneficio.

Oggi la cromoterapia, codificata da Christian Agrapart, medico, neuropsichiatra e agopuntore, si articola su 12 colori, ognuno dei quali rappresenta una parte del corpo umano per la quale è in grado di apportare dei miglioramenti.

CROMOTERAPIA: LE PROPRIETÀ DEI COLORI

Cromoterapia: le proprietà dei colori

La cromoterapia agisce attraverso diverse modalità di assorbimento dei colori. Le differenti energie prodotte dalle cromie sono capaci di modificare l'equilibrio elettromagnetico ed energetico del corpo. Ogni parte dell'organismo è dotata di un 'livello di vibrazione energetica', tutte insieme determinano uno specifico livello energetico della persona. Se mantenuto costante favorisce uno stato di benessere, mentre la sua alterazione può generare scompensi alle psiche che poi si traducono anche in malesseri fisici.

La cromoterapia può venirci in aiuto in tutte queste situazioni, anche se è fondamentale sottoporsi alle terapie indicate dai medici specialistici in caso di malattia: la cura dei colori può rappresentare un ottimo coadiuvante.

Ma vediamo nel dettaglio le proprietà dei singoli colori:

Rosso: fornisce energia fisica, psichica e sessuale. Viene impiegato per alcuni sintomi legati a depressione, disturbi sessuali, dolori articolari, sintomi influenzali, spossatezza, sonnolenza e stanchezza. Il rosso contribuisce inoltre ad alzare la pressione sanguigna e la temperatura corporea.

Blu: favorisce serenità, calma e pace interiore. Per questo viene impiegato per contrastare l'insonnia, gli stati di nervosismo e agitazione, nonché alterazioni della pressione arteriosa e del battito cardiaco. Inoltre allevia stati infiammatori, concilia la concentrazione e ha effetti benefici sul fegato.

Giallo:  ricarica le energie di corpo e mente, inoltre dona benessere e allegria. Aiuta poi la digestione e l'eliminazione delle tossine.  

Verde: è un valido alleato per combattere emicranie e stati ansiosi. Aiuta a rilassarsi e a ritrovare fiducia e determinazione.

Arancione: aiuta a curare problemi della tiroide e gli stati asmatici, inoltre favorisce una visione ottimistica della vita.

Violetto: aiuta a risolvere i problemi legati alla pelle, ai reni e alla vescica. Dal punto di vista psicologico acuisce le doti creative.

Indaco: ha effetti tonificanti e depurativi a livello circolatorio, inoltre stimola udito, vista e olfatto.

CROMOTERAPIA: COME FUNZIONA

Cromoterapia: come funziona

Una seduta di cromoterapia può durare dai 5 ai 45 minuti e può essere praticata in diversi modi. Solitamente il fascio luminoso viene posizionato sulla zona interessata dalla sintomatologia dolorosa, tuttavia può essere anche indirizzato sulla zona oculare, in caso di stanchezza, stress e disturbi del sonno.

Oltre alla tradizionale cromoterapia con applicazione diretta di fasci luminosi, esistono altre tipologie, come il bagno cromatico, la cromopuntura e l'acqua solarizzata.

Ora sapete tutto sulla cromoterapia, non vi resta che scegliere il trattamento più indicato alla vostra problematica.

0 commenti

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati