Sconto del 30% su ordine minimo di 45€! Spedizione GRATUITA per acquisti superiori a 55€!



I numeri sacri: 108

Pubblicato da Eleonora Ornella Morolli il

Tutte le componenti dell’universo sono caratterizzate da una sequenza numerica che stabilisce il rapporto con tutto ciò che le circonda. 

In tutte le tradizioni antiche i Numeri sono sacri, perché permettono di comprendere l’ordine delle cose e le leggi del cosmo. L’uomo da millenni riconosce ai numeri una funzione ordinatrice, energizzante e armonizzate del mondo e della materia vivente. 

Oggi ci focalizzeremo sul numero 108, forse il più importante nel buddhismo, perché, oramai molti di voi lo sapranno, è il numero dei grani che ha un mala. Ne scopriremo tutti i dettagli e le curiosità! 

Come detto sopra, il numero 108 è sacro nell’induismo, nel buddhismo e nel giainismo (religione professata dai seguaci di Jina nell’India nord-orientale), proprio per via del numero dei grani nei mala.

Tuttavia, per queste religioni il numero 108 non è importante solo per questo motivo: 

Il numero 108 simboleggia l’unione di Siva e Shakti, da cui derivò la creazione del nostro mondo. 

Analizziamo ora il numero 108 dal punto di vista simbolico:
1 = bindu (simbolo della condizione germinale): è il punto dal quale inizia la creazione e si sviluppa la molteplicità; 
0 = sunyata (la qualifica di vuoto): il vuoto, quello stato da raggiungere se ci si vuole liberare dal Samsara (ciclo perenne del divenire; trasmigrazione; corso dell’indefinita successione di nascita-vita-morte-rinascita); 
8 = ananta (senza fine): è l’infinito, il senza fine. 


Ci sono 108 linee di energia, o nadi, che convergono a formare il chakra del cuore. 
108 è un numero “Harshad”. Significa che è un numero divisibile per le sue cifre. Harshad significa “grande gioia” in sanscrito. 


Ma, sapevate che alcune scuole buddhiste presumono che ci siano 108 sentimenti. Questo numero si ottiene distinguendo dai sensi olfatto, tatto, gusto, udito, vista e coscienza, se sono dolorosi, piacevoli etc., e dividendoli di nuovo in passato, presente e futuro, quindi 6 × 3 × 2 × 3 = 108 sentimenti. 


In Giappone, alla fine dell'anno, una campana viene suonata 108 volte nei templi buddhisti per chiudere l'anno vecchio e dare il benvenuto al nuovo. Ogni carillon rappresenta una delle 108 tentazioni mondane a cui una persona deve resistere per raggiungere il nirvana. 

Molte arti marziali dell’Estremo Oriente hanno le loro radici nel buddhismo, in particolare in quello del Monastero di Shaolin. A causa delle sue relazioni con il buddhismo, il numero 108 è diventato importante in varie arti marziali. 

 

Nella numerologia e nella cultura ebraica, doni e donazioni vengono fatti per multipli di 18, che è associato alla parola ebraica "chai (חי)", che significa "vivo" o "vita". Il numero 108 è un multiplo di 18 (6 per 18) e, scritto in decimale, è composto anche dalle cifre 1 e 8, che insieme formano il numero 18. Stonehenge, in Inghilterra, ha un diametro di circa 108 piedi. 


Il numero 108 e l’astrologia 

Il diametro del Sole è 108 volte il diametro della Terra. 
La distanza tra il Sole e la Terra è 108 volte il diametro del Sole. 
La distanza media della Luna dalla Terra è 108 volte il diametro della Luna. 
L’argento metallico si dice che rappresenti la Luna. Il peso atomico dell’argento è 108. 

Ultima ma non meno importante curiosità, il numero 108 è il numero per le emergenze in India. 

0 commenti

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati