Sconto del 10% sul primo ordine! Spedizione GRATUITA per acquisti superiori a 35€!



Le campane a vento: significato, storia e modalità di utilizzo

Pubblicato da Beatrice Elerdini il

Le campane a vento arrivano da molto lontano: trovano origine nei furin giapponesi (tipici campanellini) e prima ancora nelle campanelle del vento cinesi, in uso da tempi antichissimi.

Oggi sono molto apprezzate anche nel mondo occidentale. Hanno forme e colori differenti, ma tutte sono dotate di una bellezza straordinaria. La loro peculiarità è quella di produrre suoni armoniosi e impalpabili, grazie al passaggio del vento.

Non si tratta di semplici oggetti decorativi, le campane a vento sono molto di più: si racconta abbiano proprietà di armonizzazione spirituale e rigenerazione mentale, inoltre fungono da catalizzatori di pace e tranquillità.

E voi ne avete mai acquistata una? Scopriamo di più su questo antico e prezioso oggetto.

Significato delle campane a vento

Le campane a vento sono tradizionalmente utilizzate in Giappone. Solitamente vengono appese durante i mesi estivi ai tetti, alle verande, ma anche ai rami più bassi degli alberi. Tali posizioni consentono al vento di passarvi attraverso e produrre i tipici suoni dal potere rasserenante.

Secondo la tradizione locale, grazie al loro tintinnio sono in grado di tenere lontani gli spiriti e le energie negative dalla struttura alla quale vengono appese.

Sono autentici talismani che vibrano nel vento, ma non sono tutti uguali. In base alla forma emanano una frequenza che va ad agire su un determinato chakra. In questo modo i centri energetici, solleticati dalle vibrazioni, ritrovano il loro equilibrio, generando benessere negli organi collegati:

 

Do: primo chakra (ghiandole surrenali, arti inferiori e intestino crasso)

Re: secondo chakra (reni, organi genitali e vescica)

Mi: terzo chakra (milza, stomaco, fegato, pancreas e intestino)

Fa: quarto chakra (cuore, polmoni e diaframma)

Sol: quinto chakra (tiroide, esofago, orecchie e arti superiori)

La: sesto chakra (ipofisi)

Si: settimo chakra (ghiandola pineale e cervello)

 Quando tante campane a vento suonano insieme, le energie che restituiscono al corpo e alla mente sono totalizzanti. Un vero toccasana psico-fisico.

   

Come sono fatte le campane a vento

Come sono fatte le campane a vento? Ne esistono di materiali diversi: in metallo, legno, ma anche porcellana e argilla.

Per un buon funzionamento e ritorno energetico è importante associare al materiale la corretta posizione. Una campana di metallo è giusto posizionarla a ovest, nord-ovest e nord; una campana di legno o di bambù trova la sua collocazione ideale a est, sud-est e sud. Mentre quelle realizzate in porcellana o di argilla è bene posizionarle al centro, sud-ovest, nord-est e sud-est.

Da tener presente è anche il numero di tubuli presenti in una campana: i numeri 6 e 8 sono i migliori se si desidera aumentare l'energia benefica, il 5 è ottimo per allontanare l'energia negativa.

Infine, le campane a vento spesso riportato alcuni simboli tradizionali, che possono agevolare la protezione.

Come usare le campane a vento

Come scegliere una campana e vento e come utilizzarla?

Sono molto utilizzate nella tradizione cinese del Feng Shui, che suggerisce molteplici modalità di utilizzo di questi preziosi talismani, sia all'interno degli ambienti, che all'esterno.

Si possono collocare in giardino su un albero, cosicché possano vibrare liberamente al soffio del vento, ma sono ottime anche posizionate in casa, in soggiorno, in cucina e in questi casi è meglio scegliere quelle composte da cristalli.

Cose da non fare con le campane a vento

Infine, ci sono alcuni piccoli accorgimenti da adottare, per evitare di vanificare le preziose proprietà delle vostre campane a vento:

- Non appendetele su una porta, per evitare che vengano colpite dalle persone o dalla porta stessa.

- Non appendete quelle di metallo sugli alberi, perché l'elemento metallo si scontra con l'elemento legno. Sugli alberi quindi, posizionate solo le campane di legno.

- Non appendetele nelle stanze da letto, per evitare che la loro influenza energizzante possa agitare le persone durante il sonno.

Ora che sapete tutto su questi preziosi oggetti, non vi resta che acquistarne uno! In fondo ognuno di noi ha bisogno di purificare un po' se stesso e gli ambienti in cui vive, dalle negatività.

Beatrice Elerdini

0 commenti

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati